I cachi : rimedio naturale per colesterolo e ipertensione

I cachi : rimedio naturale per colesterolo e ipertensione

I Cachi o kaki sono dei frutti carnosi e fibrosi appartenenti alla famiglia delle Ebenaceae. Sono frutti coltivati comunemente in regioni calde del mondo come la Cina, la Korea, il Giappone, Brasile, Turchia e Italia. Molto spesso si tende a consumare poco questo frutto, perché considerato troppo zuccherino e calorico o semplicemente perché “fa ingrassare”.  Nulla di più sbagliato.  Non sarà certo mangiare dei cachi che ci farà ingrassare, ma mangiarli ci farà prevenire numerose patologie.

Sebbene i cachi siano frutti relativamente calorici (100g forniscono 65-70kcal), sono un elisir naturale di salute.
Sono costituiti da acqua per l’80% , da zuccheri per il il 16-18%, mentre il contenuto di fibre è intorno al 2,5%, le proteine allo 0,6% e i grassi allo 0,3%.

Bisogna sottolineare il contenuto in sali minerali, soprattutto in Potassio. I cachi apportano una buona quantità di potassio, circa 170mg su 100g, questo contenuto conferisce al frutto delle proprietà diuretiche. Oltre al Potassio, sono presenti altri minerali, ma in minor quantità, come il sodio, il selenio, il magnesio e il manganese.

I cachi sono anche ricchi in Vitamina C e ß-carotene, precursore della vitamina A.
Numerose sono le molecole bioattive presenti in questi frutti : carotenoidi, tannini (da cui deriva il sapore astringente se il frutto non è ben maturo), fenoli, proantocianidine e catechine. Ma che ruolo hanno questi composti? Sono importanti? In realtà sono importantissimi. Sono proprio questi composti che permettono ai cachi di avere proprietà benefiche.

I cachi proteggono il nostro cuore, abbassando il rischio di malattie coronariche. In che modo?
Le sostanze bioattive elencate prima hanno un potere ipocolesterolemico, cioè abbassano il colesterolo.

I cachi fanno bene, non fanno ingrassare
I cachi fanno bene, non fanno ingrassare…

Queste sostanze, gli antiossidanti, le fibre e i minerali presenti nei cachi possono prevenire l’aterosclerosi coronarica e le sue complicazioni.

A salvaguardare il nostro cuore c’è anche un’altra sostanza: l’Astragalina, un flavonoide che da vari studi risulta essere in grado di abbassare la pressione sanguigna e quindi un alleato per chi soffre di ipertensione. Perciò abbassando colesterolo e ipertensione, più salute per il nostro cuore.

Il contenuto di antiossidanti nei cachi ha un ruolo protettivo contro lo stress ossidativo, questo si traduce in una naturale protezione per la nostra pelle e in una rigenerazione della stessa, rendendola sana e giovane. Ma non dimentichiamo come questo forte potere antiossidante conferisca ai cachi anche delle proprietà antitumorali. Gli antiossidanti dei cachi sono infatti in grado di ridurre il danno del DNA causato dai radicali liberi.

Infine, i Cachi che per molto periodo sono proprio stati demonizzati per il contenuto zuccherino, sembrerebbero aver proprietà anti-diabetiche. Recenti studi hanno evidenziato come le sostanze bioattive siano in grado di aumentare una risposta insulinica nei pazienti affetti da diabete di tipo 2.

Questo non vuol dire ovviamente avere un consumo smoderato di cachi, soprattutto quando si hanno problemi di controllo glicemico, ma significa non eliminare dalla dieta questo frutto, visto le numerose proprietà e benefici, soprattutto sulla base di false credenze, ma introdurlo nella nostra dieta in maniera equilibrata.

Condividi sui Social Network:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial