Il nostro Blog

Le pesche di Marco sono dei gioielli di bontà

Non so se vi è mai capitato di frequentare o visitare un artigiano che, grazie alla sua sapienza e manualità, produce pezzi unici. Che sia un ebanista, un orafo o un tessitore, ciò che colpisce è la fantasia, la dedizione, la passione che mettono nel loro lavoro. Marco Bersani, agricoltore e socio Agribologna, ha lo stesso rapporto con la frutta che produce, siano queste pesche, albicocche, susine o mele.

Marco produce delle pesche gioiello, non nel senso che costano molto, tutt’altro, ma per il valore della caratura qualitativa del frutto, per il gusto e il profumo che emanano non appena le tocchi. Gioielli di bontà!

…Continua a leggere

Nettarine di qualità? Nessun dubbio, sono quelle di Fabrizio.

Sono arrivata da Fabrizio di buon mattino. Ho percorso la Via degli Orti nella direzione mare fermandomi a metà strada, nelle campagne vicino a Forlì, chiamate giustamente Terre del Sole, culla delle pesche e delle nettarine.
Qui la frutta è regina, per qualità dei terreni, sole e aria e per la tenacia e la competenza di chi la lavora.
Qui Fabrizio Rabiti, socio del Consorzio Agribologna, produce pesche, nettarine, susine e non solo. …Continua a leggere

La pesca non rende solo bella la pelle…

Oggi parliamo di pesche, frutta tipicamente estiva, gustose e profumate, ricche di acqua, fibra, vitamine e sali minerali.
Il pesco è originario della Cina e dall’oriente giunse in Persia e da qui in Europa, ma è proprio dalla Persia che deriva il nome della specie (Prunus Persica).
Esistono molte varietà di pesche: pesca a pasta gialla o bianca, noce, dalla buccia liscia a o vellutata, dalla forma tondeggiante o più schiacciata.

…Continua a leggere

Se la zucchina non è cicciotta non è bolognese

Ho sempre pensato che se la zucchina bolognese è corta e cicciotta è perché vuole essere riempita, come la pasta dal ripieno. Questa varietà ha una sua forma aurea: non deve essere più lunga di 15-18 cm, il suo colore è verde chiaro, screziato con un regolare disegno puntinato, ha un caratteristico ingrossamento a botticella nella parte del fiore, cosa questa che la rende perfetta per poter essere svuotata e poi riempita di un ripieno ghiotto, gustoso, fatto con carne suina, mortadella, parmigiano.

Quasi un tortellino vegetale.

…Continua a leggere

Ciliegie, la cura naturale per il nostro benessere

Le ciliegie sono dei piccoli frutti di colore variabile dal giallo al rosso scuro, quasi nero, dalla tipica forma sferica con all’interno un nocciolo. Sono frutti originari dell’Asia, di cui distinguiamo due varietà principali : le ciliegie dolci e le ciliegie acide (amarene, visciole o marasche). Sulle nostre tavole ritroviamo soprattutto le ciliegie dolci, mentre quelle acide vengono utilizzate sempre in cucina ma soprattutto per farne marmellate e liquori.

…Continua a leggere

Le fragole : piccoli cuori rossi che aiutano cervello, cuore e … il buonumore.

Le fragole, appartenenti alla famiglia delle Rosaceae, sono frutti primaverili ricchi di proprietà nutrizionali e grazie al forte aroma e al sapore dolce che le caratterizza sono particolarmente amate da grandi e piccini.
Tuttavia è più corretto definirle un falso frutto; i veri frutti, infatti, sono i piccoli semini gialli presenti sulla superficie, mentre la parte rossa è un’infiorescenza e non il frutto.

…Continua a leggere

Da Roberto le fragole hanno il sapore di una volta…

Se c’è un posto in cui le fragole hanno il dolce e intenso sapore di una volta, questo è il podere di Roberto a Santarcangelo di Romagna, là dove la Via degli Orti inizia a vedere il mare, l’aria si fa più tersa e la luce più luminosa.
Roberto Fabbri, romagnolo purosangue, mi accoglie con il sorriso aperto di chi è convinto di stare dalla parte giusta, di quelli che lavorano anche 20 ore al giorno, e che alla sera, chiudendo l’azienda agricola sanno che hanno fatto di tutto per darti i prodotti migliori della loro terra.

…Continua a leggere

I piselli, un ortaggio da favola

La storia la sapete: in una notte buia e tempestosa, una fanciulla chiese riparo in un castello affermando che era una principessa. La regina, che cercava da tempo una sposa per il figliolo, ormai in età per farsi una famiglia, la mise alla prova. Le fece preparare un letto, mettendo un pisello sotto una serie di 20 materassi, 20 guanciali e 20 cuscini. La mattina dopo, al risveglio, la regina chiese alla ragazza come avesse dormito: lei rispose che non era riuscita a chiudere occhio perché nel letto c’era qualcosa di molto duro che le aveva dato fastidio. La regina, felicissima di questa risposta, dichiarò che solo una vera principessa può avere la pelle tanto delicata da percepire la presenza di un pisello sotto 20 materassi, ed ordinò di far celebrare immediatamente il matrimonio.

…Continua a leggere

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial