La pesca non rende solo bella la pelle…

La pesca non rende solo bella la pelle…

Oggi parliamo di pesche, frutta tipicamente estiva, gustose e profumate, ricche di acqua, fibra, vitamine e sali minerali.
Il pesco è originario della Cina e dall’oriente giunse in Persia e da qui in Europa, ma è proprio dalla Persia che deriva il nome della specie (Prunus Persica).
Esistono molte varietà di pesche: pesca a pasta gialla o bianca, noce, dalla buccia liscia a o vellutata, dalla forma tondeggiante o più schiacciata.


Nella mitologia cinese il pesco è il simbolo dell’immortalità, perché, in Cina, si crede che nutrendosi del frutto di questo albero, questo preservi il corpo dalla corruzione.

Cesto di pesche
Cesto di pesche

Considerando le proprietà delle pesche, possiamo dire che una base di verità nella leggenda, sicuramente c’è. Vediamo nelle specifico le proprietà nutrizionali di questo “leggendario” frutto.

E’ un frutto succoso e zuccherino. Le pesche, infatti, sono ricche in fruttosio, lo zucchero naturale della frutta, mentre la quantità di grassi e proteine è del tutto trascurabile. L’apporto calorico deriva proprio dallo zucchero presente ed è pari a 39 kcal su 100 g (mediamente una pesca pesa sui 120 g).

Anche il contenuto di fibre è apprezzabile se consumate con la buccia, altrimenti si dimezza.
Le proprietà benefiche della pesca derivano dalle sostanze ad azione antiossidante in esse presenti: polifenoli, quercetina, antocianine, tutte sostanze bioattive che dagli studi condotti si è visto avere un ruolo protettivo nelle malattie correlate all’obesità, ad esempio diabete, sindrome metabolica e malattie cardiovascolari.

Succo di pesca
Succo di pesca

Da un altro studio condotto, per il momento solo su topi, si è scoperto un’ altra importantissima proprietà di questo frutto che è quello di ridurre le metastasi del tumore al seno. Dopo aver determinato la dose necessaria per ottenere questi effetti nei topi, è stato calcolato che per l’uomo sarebbe equivalente al consumo di 2-3 pesche al giorno.

Sempre in campo oncologico, altri studi su modelli animali hanno inoltre mostrato come estratti della polpa di pesca possano ridurre gli effetti tossici sui reni e fegato del cisplatino, il farmaco più utilizzato per la chemioterapia, probabilmente andando a ridurre lo stress ossidativo causato dal farmaco.

Le pesche sono inoltre un elisir di bellezza per la nostra pelle, grazie alle vitamine A e C che possono migliorare la struttura cutanea e aiutare a combattere i danni sulla pelle causati dal sole e dall’inquinamento. La vitamina C svolge anche un ruolo vitale nella formazione del collagene.

Insalata di frutta
Iniezione di benessere: un’insalata di frutta con pesche, nettarine e tanta frutta

Inoltre le pesche sono una buona fonte di potassio, sale minerale importante che aiuta il nostro corpo a eliminare liquidi in eccesso.

La pesca è tra i frutti la regina dell’estate grazie alle sue virtù, alla sua succosità e alla capacità dissetante, le numerose varietà e gli altrettanti impieghi, poiché le pesche possono essere consumate fresche, in confettura, sciroppate o essere l’ingrediente di numerosi dessert, fanno sì che di questo frutto non ci si stanchi mai.

Condividi sui Social Network:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial